NESSUNO RESTI FUORI Festival di teatro, città e persone Edizione 2018 – dal 19 al 28 Luglio

NESSUNO RESTI FUORI
Festival di teatro, città e persone
Edizione 2018 – dal 19 al 28 Luglio

Gli appuntamenti di Martedì 24 Luglio sono 2.
La sera in Piazza Sant’Agnese ci sarà lo spettacolo ‘THIORO’’, un
cappuccetto rosso senegalese, spettacolo nato in Senegal, occasione
d’incontro nel solco della feconda relazione del Teatro delle Albe con Diol
Kadd e gli attori legati a Mandiaye N’Diaye.
Nel pomeriggio con il secondo dei Playing About, alle 18.30, sempre presso il
Liceo Artistico, in cui incontreremo organizzazioni che stanno cercando di
creare un ponte tra scene artistiche africane ed europee.
24 Luglio 2018 ore 21:00
PIAZZA SANT’AGNESE
MATERA
THIOROKër Théâtre Mandiaye Diaye
UN CAPPUCCETTO ROSSO SENEGALESE

ideazione Alessandro Argnani, Simone Marzocchi e Laura Redaelli
con Fallou Diop, Adama Gueye, Simone Marzocchi
organizzazione Moussa N’Diaye
coproduzione Teatro delle Albe/Ravenna Teatro, Accademia
Perduta/Romagna Teatri, Ker Théâtre Mandiaye N’Diaye
regia Alessandro Argnani
Thioro è uno spettacolo nato in Senegal, nuova occasione d’incontro nel solco
della feconda relazione del Teatro delle Albe con Diol Kadd e gli attori legati a
Mandiaye N’Diaye. Mettendo in corto circuito la fiaba europea di Cappuccetto
Rosso con la tradizione africana, Thioro vede in scena e in dialogo Adama
Gueye, Fallou Diop, attori e musicisti, e Simone Marzocchi, compositore e
trombettista. Un viaggio dal ritmo pulsante, che grazie all’intreccio di lingue,
strumenti e immaginari, porterà ogni spettatore alla scoperta non del bosco
ma della savana, e all’incontro non con il lupo ma con Buky la iena.

Ingresso: 5 €

per info dettagliate:
www.nessunorestifuori.it
nessunorestifuori@gmail.com / + 39 3343558556
✧✧✧ INFO BIGLIETTI✧✧✧
Prevendite attive presso:
Casa del Festival,
Liceo Artistico Carlo Levi
Via Cappuccini, 27 Matera

23 Luglio 2018 ore 18.30
LICEO ARTISTICO CARLO LEVI
VIA CAPPUCCINI, 27 MATERA
‘’RADICI E PERCORSI’’
AFRICA E ITALIA PER UNA NUOVA IDEA DEL’EUROPA

Quando pensiamo al futuro della scena creativa spesso siamo ingannati dal
fascino che la scena dell’Europa del Nord esercita sugli artisti. Ma se
guardiamo dall’altro lato, più a sud, scopriamo che li c’è qualcosa che ci
assomiglia maggiormente: il modo di vivere gli spazi, l’ironia nell’affrontare le
questioni quotidiane e la necessità di far diventare infinitamente grande o
infinitamente piccolo quello che proviamo. Abbiamo invitato alcune
organizzazioni che stanno provando a creare un ponte per capire come
creare relazioni ed alleanze con il mondo artistico dei paesi africani.
Partecipazione Libera

 

Potrebbero interessarti anche...